Bessi (Cons. reg. PD): "Ecco le bufale dei NoTriv sul referendum"

Bessi (Cons. reg. PD): "Ecco le bufale dei NoTriv sul referendum"
01/03/2016 - BOLOGNA - Gianni Bessi è consigliere regionale del Pd in Emilia-Romagna ed è impegnato da sempre sulle tematiche energetiche.

Bessi, secondo il sondaggio SWG pubblicato domenica 28 febbraio su L’Unità, il 78% degli italiani è contrario alle trivellazioni.

Intanto, c’è modo e modo di fare un sondaggio. Non penso che abbiano un grande valore risposte generiche a domande altrettanto generiche. Se, per esempio, una delle domande fosse stata: “Lei è favorevole alla perdita di 6700 posti di lavoro impiegati a Ravenna nell’impiantistica offshore, un’industria sicura e altamente specializzata?”, che cosa
avrebbero risposto le persone sondate?
Questo per dire che la materia energetica è complessa e delicata. E di certo non può essere affrontata con un referendum, che inevitabilmente impedisce un confronto serio, sereno e di merito.

Lei vuol dire che questo confronto serio e di merito non c’è?

Al momento, per niente. Basta vedere la propaganda, francamente un po’ terroristica, che viene fatta dal fronte dei referendari. I quali, prima di tutto, falsificano la realtà. Non si andrà a votare a favore o contro le trivelle: questa è una sciocchezza bella e buona.
Il 17 aprile si dovrà scegliere se mantenere le concessioni già concesse dallo Stato alle compagnie entro le 12 miglia dalla costa fino all’esaurimento dei giacimenti oppure fermare le attività, con tutti i danni che questo comporterebbe.

A quali danni fa riferimento?

Fermando la produzione si rinuncerebbe ad un’enorme ricchezza, si lascerebbero morire le imprese nate intorno alle attività estrattive, aumenterebbero le importazioni e, quindi, anche i costi a carico della collettività. Per non parlare dei rischi ambientali collegati ad uno stop
anticipato della produzione o a un aumento di transito delle petroliere nei nostri mari.

Allora perché nove regioni si sono schierate contro le trivelle?

In realtà, me lo chiedo anche io. Sembrerebbe quasi un attacco alla mia terra, dove si concentra la maggior parte delle attività offshore del Paese.
Infatti, la mia regione fin dal primo momento non ha condiviso le iniziative dei referendari.
Questo referendum a mio avviso è solo strumentale e nasconde manovre politiche, di cui non voglio parlare. Però è un dato che tra i promotori c’è una regione che ospita il più grande giacimento su terra ferma d'Europa.
Che a me va benissimo, intendiamoci, come va bene a loro. Poi c’è un altro dato che va sottolineato e su cui bisogna fare chiarezza.

Quale?

Questo referendum riguarda principalmente le estrazioni di gas, una fonte energetica considerata strategica per la transizione verso modelli più sostenibili. Combattere l’utilizzo di questa risorsa, che è presente anche in grande quantità nel nostro Paese, significa rinnegare il progresso, in barba agli accordi di Parigi.
Infine, voglio lanciare una provocazione. Estrarre in Italia significa rispettare norme rigide ed elevati standard di sicurezza ambientali e contare su eccellenze tecnologiche esportate in tutto il mondo.
Siamo sicuri che questo avviene anche in altri paesi, da cui, se passa questo referendum, dipenderemmo al 100%?

Intervista pubblicata sul quotidiano L’Unità il giorno 1 marzo 2016
« Torna all'elenco

Ultimi numeri

Grimaldi lines
CSR
Banca Popolare di Ravenna
Compagnia Portuale Ravenna
Macport
Cassa di Risparmio di Ravenna
Secomar
Ciclat
Coface
Agmar
Bambini Ravenna
Consar Ravenna
TCR
Spedizionieri internazionali Ravenna
CNA Ravenna
cmc
CNA Imprese
Exportcoop
Servizi tecnico-nautici
Sers
Columbia Transpost
Intercontinental
Raffaele Turchi
T&C
Zanini
Corship spa
Fiore
Tramaco
Avvisatore Marittimo
Martini Vittorio
Le Navi - Seaways
Romagna Acque
Simap
Confartigianato Ravenna