Brusca frenata dei traffici, primi tre mesi in calo del 5%

Brusca frenata dei traffici, primi tre mesi in calo del 5%
11/05/2017 - RAVENNA - Coils e agroalimentare, da sempre 'bandiere' dello scalo, adesso perdono colpi.
Nel dettaglio, la movimentazione dei primi tre mesi dell’anno è stata pari a 6.219.726 tonnellate di merce, il 5% in meno rispetto al primo trimestre 2016.
Il numero delle navi arrivate è risultato pari a 703 in calo del 7,9%.
In particolare gli sbarchi sono stati pari a 5.244.844 tonnellate, 415.352 tonnellate in meno rispetto allo scorso anno (-7,3%), mentre gli imbarchi ammontano a 974.882 tonnellate (+9,8%).

Analizzando le merci per condizionamento si evince che le merci secche, hanno segnato un calo del 9,2% (oltre 400 mila tonnellate), le rinfuse liquide hanno fatto registrare una crescita pari al 7,7%, mentre per le merci unitizzate, quelle in container risultano in calo del 3,7%, e quelle su rotabili segnano, invece, una crescita del 5,9%.

Per i container il risultato è stato di 54.638 TEUs, in linea con il dato dello scorso anno (-1,6%); in aumento i container vuoti, 1.419 in più, e in calo i pieni, 2.301 in meno.

Il numero dei trailer è stato pari a 16.628 unità (-10,1%). Il calo è da attribuirsi alla sospensione della linea della Grimaldi per Bari e Patrasso. Buoni, invece, i risultati sulla relazione Ravenna-Brindisi-Catania, dove sono stati movimentati 12.506 trailer per Catania e 3.459 per Brindisi, per un totale di 1.871 pezzi in più (+13,3%).

I comparti dove si sono registrati i segnali negativi più evidenti sono la metallurgia e l’agroalimentare (derrate alimentari solide e prodotti agricoli), che avevano però raggiunto, proprio lo scorso anno, livelli di traffico particolarmente positivi. Per i prodotti metallurgici (-9,5%) sono calate soprattutto le importazioni di coils da Cina, Iran e Russia; per i prodotti agricoli si è registrata una diminuzione per il frumento, mentre per le derrate alimentari il calo più sostanziale è per i semi di soia.
Per i materiali da costruzione, con 1,010 milioni di tonnellate movimentate si è avuto un trend in linea con l’anno precedente (-2,1%); le materie prime per le ceramiche, passate da 894 a 852 mila tonnellate sono calate del 4,6%.
Tra le rinfuse liquide risultano in aumento i petroliferi (+11,7%), i prodotti chimici (+3,6%) e i prodotti alimentari liquidi (+2,9%).

Buono il dato dell’automotive dove sono state sbarcate 7.525 auto (+17,2%).

Da un’analisi del foreland marittimo del porto emerge che, i Paesi che hanno fatto registrare le principali variazioni positive in termini assoluti sono Egitto, Ucraina e India (492 mila tonnellate in più); mentre i Paesi con cui gli scambi sono calati in maniera più significativa sono stati Cina, Iran e Russia (complessivamente 627 mila tonnellate in meno).




Porto Ravenna News

Grimaldi lines
Intercontinental
Ciclat
Tramaco
Avvisatore Marittimo
Cassa di Risparmio di Ravenna
Columbia Transpost
CSR
Corship spa
Simap
Raffaele Turchi
Fiore
Romagna Acque
Zanini
TCR
Le Navi - Seaways
Consar Ravenna
CNA Imprese
Coface
Agmar
CNA Ravenna
Confartigianato Ravenna
Secomar
Martini Vittorio
Exportcoop
Macport
cmc
Spedizionieri internazionali Ravenna
Sers
Compagnia Portuale Ravenna
Bambini Ravenna
Servizi tecnico-nautici
Banca Popolare di Ravenna
T&C