Il comparto agroalimentare traina i traffici

Il comparto agroalimentare traina i traffici
01/11/2016 - RAVENNA - La movimentazione dei primi nove mesi dell’anno è stata pari a 19.305.913 tonnellate di merce, il 5,7% in più rispetto allo stesso periodo del 2015.
In particolare gli sbarchi sono stati pari a 16.478.311 tonnellate, 938.709 tonnellate in più rispetto allo scorso anno (+6,0%), mentre gli imbarchi ammontano a 2.827.602 tonnellate (+4,0%).
In particolare la movimentazione di settembre è stata pari a 1.810.150 tonnellate, il 16,5% in meno rispetto a settembre 2015.

In crescita il numero delle navi, 2.250 attracchi contro i 2.104 dello scorso anno (+6,9%).

Analizzando le merci per condizionamento si evince che le merci secche, hanno segnato un aumento del 5,3% (634 mila tonnellate), le rinfuse liquide hanno fatto registrare una crescita pari al 3,2%, mentre per le merci unitizzate, quelle in container risultano in aumento del 3,4%, e quelle su rotabili del 22,0%.

La crescita più rilevante in valore assoluto riguarda, già da diversi mesi, il comparto alimentare, derrate alimentari solide e prodotti agricoli, pari a 3.166.403 tonnellate, con 492 mila tonnellate in più (+18,4%), grazie soprattutto all’aumento del granoturco (quasi 300.000 tonnellate in più), proveniente perlopiù da USA, Bulgaria e Ucraina, delle farine, soprattutto di semi soia e girasole, (100 mila tonnellate in più) proveniente soprattutto da Brasile e Argentina.
In aumento i materiali da costruzione, con 3.509.534 tonnellate movimentate (+2,1%), ed in particolare per le materie prime per le ceramiche, passate da 2,94 a 3,06 milioni di tonnellate con un incremento del 4,13%.

Consistente la crescita dei concimi, con 1.157.945 tonnellate movimentate e 112 mila tonnellate in più (+10,7%); gli aumenti più rilevanti si sono registrati da Egitto e Kuwait.
Per i prodotti metallurgici, pari a 4.658.525 tonnellate, si è registrato un calo dello 0,7%. Il calo dei metallurgici riflette l’andamento nazionale che nei primi sette mesi del 2016 ha visto un calo delle importazioni dell’1,2% (dati Federacciai).
Tra le rinfuse liquide risultano in aumento soprattutto i prodotti chimici (+7,2%) e le derrate alimentari (+5,4%).

Per i container il risultato è stato di 176.129 TEUs, 5.216 in meno rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno (-2,9%); in aumento del 3,5% i container pieni, in calo invece, del 18,6%, i vuoti.
Nel mese si sono registrati 20.066 TEUs, 1.371 in più rispetto a settembre 2015 (+7,3%)

Il numero dei trailer del periodo è stato pari a 58.438 unità (+16,5%), mentre nel mese sono stati movimentati 7.322 pezzi, 730 in più rispetto ad settembre 2015. In particolare nei nove mesi del 2016 si sono registrati 2.568 pezzi per Bari e 7.943 per Patrasso. Molto buoni i risultati sulla relazione Ravenna-Brindisi-Catania, dove sono stati movimentati 38.472 trailer per Catania e 7.856 per Brindisi.

Da un’analisi del foreland marittimo del porto emerge che, i Paesi che hanno fatto registrare le principali variazioni positive in termini assoluti sono Italia, Turchia, Bulgaria, Grecia (un milione di tonnellate in più); mentre i Paesi con cui gli scambi sono calati in maniera più significativa sono stati Montenegro, Emirati Arabi, Francia (322 mila tonnellate).



Porto Ravenna News

Grimaldi lines
CNA Ravenna
T&C
Compagnia Portuale Ravenna
Macport
Exportcoop
Avvisatore Marittimo
Romagna Acque
Columbia Transpost
CSR
Secomar
CNA Imprese
Bambini Ravenna
Banca Popolare di Ravenna
Consar Ravenna
Martini Vittorio
Corship spa
Zanini
Simap
Raffaele Turchi
cmc
Coface
Ciclat
Tramaco
Intercontinental
TCR
Cassa di Risparmio di Ravenna
Le Navi - Seaways
Confartigianato Ravenna
Servizi tecnico-nautici
Agmar
Fiore
Spedizionieri internazionali Ravenna
Sers